Calendario delle semine

This post is also available in: English (Inglese)

Queste date sono il distillato di 38 anni di prove e errori nei miei orti, dove i risultati hanno evidenziato le migliori epoche per i migliori risultati.

Puoi certamente seminare in altri momenti dell’anno e le piante cresceranno, ma i risultati saranno diversi: raccolti minori, maggior numero di malattie e insetti, magari la tendenza ad andare in canna e fiorire anziché fare foglia. Ad esempio non consiglio affatto di seminare rucola e mizuna in primavera perché è la loro stagione di fioritura, sebbene alcuni orticoltori lo facciano e si accontentino di raccolti inferiori e foglie danneggiate da insetti, rispetto a foglie più in salute e settimane, se non addirittura mesi, di raccolti continui da semine in agosto.

Le date sono basare sul clima del Somerset, Gran Bretagna sud-occidentale. Zona USDA 8-9, ultima gelata a metà maggio, prima gelata a metà ottobre. Le date si riferiscono alla semina dei semi, non al trapianto delle piante.

Per avere un bel riferimento su quando seminare una certa verdura, tutto l’anno, consulta il mio calendario a muro per il 2021. Le date continuano fino all’autunno per cui è un buon acquisto anche in estate. Ci sono diverse belle foto del mio orto e consigli sul no-dig.

N.d.T.: le zone climatiche USDA vengono definite dallo US Department of Agriculture, pressappoco l’equivalente del ministero dell’agricoltura italiano. Il solo criterio adottato è quello della media annua delle temperature minime.
Il clima di Homeacres in linea di massima ha un maggior numero di giorni di pioggia (ma una quantità totale leggermente inferiore) e massime e minime contenute rispetto al clima della pianura padana.

Per una cartina delle zone USDA in Italia, consultare questa pagina.

Qui si può consultare in tempo reale il clima di Homeacres per farsi un’idea.

Semina e trapianto

Queste due parole sono spesso usate l’una al posto dell’altra, il che crea confusione. Perlomeno in questa pagina, la semina si riferisce ai semi, dal sedano al pomodoro e all’aglio, perfino alle patate. Il trapianto si riferisce alla piantumazione di piantine con foglie. A volte si dice perfino di trapiantare aglio e patate!

  • Le dimensioni della pianta al momento del trapianto sono una tua scelta;
  • Consiglio di trapiantare piante piccole dopo 4 settimane dalla semina, eccetto che per pomodori e melanzane;
  • Esegui il trapianto sempre prima che le radici abbiano utilizzato il compost nella cella e prima di vedere foglie giallognole o violacee (principalmente mancanza di azoto);
  • Le piante più vecchie necessitano più tempo per attecchire per cui alla fine si perde tempo di raccolta;
  • Usa tessuto-non-tessuto e mini-tunnel in primavera per aiutare le piante ad attecchire;
  • Il tessuto-non-tessuto riduce la luce disponibile del 15-30%, ma in primavera non importa dato che c’è un surplus di luce, in compenso l’abbondanza di luce in calore altrimenti assente. Risultato: guadagno netto.

Sotto protezione e all’esterno

I semi richiedono più calore per germinare che le piante per crescere. Consiglio di seminare sotto protezione dove c’è più calore: davanzali della finestra, propagatore elettrico, serre, ovunque ci sia calore.

Dopo circa due settimane, le piante richiedono piena luce come e quanto, e forse anzi di più, della richiesta di calore, dato che le nuove foglie crescono in fretta. Per cui pianifica di spostarle in serra, tunnel o serra fredda.

Tutte le semine che consiglio in febbraio e inizio marzo resistono al gelo, tranne i pomodori. Per cui sopravvivono alle gelate in serra come plantule. Utilizzo la dicitura “al caldo” per quelle piante che muoiono col freddo e necessitano di calore extra per crescere.
  • Trapiantare all’esterno significa sistemare le piante nel terreno, al contrario di seminare i semi in serra o tunnel. Questa pagine fa riferimento alla semina e non alle date di trapianto, per le quali rimando al mio Diario.

Una nota sull’applicazione di queste date nelle altre zone climatiche

Dobbiamo differenziare tra verdure resistenti al freddo e verdure amanti del caldo.

  1. Le verdure e le erbe che crescono al freddo e non muoiono con gelate, diciamo, di -6°C sono piselli, cipolle, lattuga, spinaci, brassicacee e coriandolo. 
  2. Le piante che muoiono con le gelate sono i pomodori e il mais.
  3. Le verdure che richiedono caldo per crescere sono fagioli e fagiolini, melanzane e cetrioli.

Seminerei le verdure e le erbe del gruppo 1 anche una settimana prima in un clima più caldo, e le verdure dei gruppi 2 e 3 anche due settimane prima, se ad esempio l’ultima gelata è ad aprile anziché a metà maggio come capita qui a Homeacres. Questo in primavera.

Ad estate inoltrata e in autunno, semina una o due settimane più tardi in zona USDA 9 e dove le estati sono più calde che qui. Siamo in clima oceanico temperato, la media estiva è 21°C.

Partendo da queste linee guida puoi identificare le migliori date tramite un accurato sistema di annotazioni ed osservazioni.

Lattughe

Il consiglio comune di seminare ogni due settimane è valido solo se si desiderano dei cuori di lattuga. Per le foglie, 4-5 semine all’anno* sono sufficienti se viene usato il mio metodo di non tagliare mai il cuore delle piante, ma di raccogliere le foglie più esterne con una certa cadenza. Ciò consente di allungare la vita alle piante, come spiego nel dettaglio nel video sulla lattuga.

*semina sotto protezione a febbraio-marzo, quindi 1 giugno, metà giugno (questa tre semine sono per coltivazione all’esterno), e inizio settembre per coltivazione sotto protezione in inverno.

Febbraio

Il miglior periodo è dopo San Valentino, quando finalmente i giorni cominciano ad avere più luce.

Semina al coperto: fave, spinaci, lattughe, piselli da germogli, cipolle, cipollotti, brassicacee (cavolo, broccolo, cavolo rapa, cavolfiore, rapa), ravanelli, finocchi, prezzemolo, coriandolo, aneto. 

Al caldo: melanzane, peperoni, peperoncino – da seminare entro inizio marzo.

Marzo

Semina al coperto: come per febbraio e in aggiunta piselli, barbabietole, sedano e sedano-rapa a metà mese. Al caldo: pomodori (prima di metà mese per raccolti al coperto) e meloni (a fine mese).

Semina all’esterno: fava, aglio se non già piantato, e dopo metà mese lattuga, spinaci, piselli, cipolle, cipollotti, brassicacee primaverili, prezzemolo, coriandolo, aneto, pastinaca, a fine mese patate precoci.

Aprile

Semina al coperto: come per marzo (è tardi per il sedano-rapa, seminarlo il prima possibile), inoltre porri, bietole da costa e barbabietole a fine mese, pomodori per coltivazione in campo. Al caldo e verso metà mese: cetriolo, zucchine, zucche, granoturco.

Semina all’esterno: tutti i tipi di patate, fave, lattuga, spinaci, piselli, cipollotti, brassicacee primaverili ed autunnali, prezzemolo, porri, bietole da costa, carote.

  • Aggiornamento 2020 sulle altiche (o pulci di terra): questi insetti sono diventati più invadenti nell’ultimo anno, perlomeno in Gran Bretagna. Consiglio di seminare tutte le brassicacee al coperto dove possibile, perché sono meno soggette ad attacchi. Qui ad Homeacres non semino ravanelli dalla fine di marzo a metà agosto, perché le altiche danneggiano irrimediabilmente le loro foglie tenere.

Maggio

Semina al coperto: zucchine, fagioli e fagiolini, bietole da costa, barbabietole, lattuga, brassicacee invernali, cipolle. Porri e zucche invernali entro inizio maggio. Rutabaga (cavolo navona) a fine maggio.

Semina all’esterno: come al coperto, inoltre patate a inizio maggio, carote e pastinaca avendo cura di tenere umidi i semenzai fino alla germinazione.

Giugno

Semina al coperto: barbabietola, rutabaga, lattuga, bietole da costa, bietola, cavolo riccio, broccoli autunnali, cavolfiori (autunnali e primaverili). Dopo il solstizio: indivia, cicoria, cavolo rapa e finocchio.

Semina all’esterno: come al coperto, inoltre carote.

Luglio

Semina al coperto: cavolo rapa, lattuga, bietole da costa, bietole, indivia, cicoria, finocchio, cerfoglio, coriandolo. Inoltre barbabietola e cavolo verza nella prima decade.

Dopo metà mese: erba di Santa Barbara, rucola selvatica, cavolo cinese e spinaci.

A fine mese: pak choi, senape, rucola, rape – anche se è meglio aspettare la prima decade di agosto.

Semina all’esterno: come al coperto, inoltre carote fino a metà luglio.

Agosto

Semina al coperto: indivia e finocchio entro la prima decade, lattuga (a fine mese per svernare), portulaca invernale, insalate orientali, rucola selvatica, rape seminate a mazzetto e spinaci. 

Agosto è il mese perfetto per seminare la rucola selvatica, le insalate orientali e gli spinaci. Semina entro metà mese per avere dei raccolti vigorosi in autunno, e a fine mese per piante più piccole in autunno che hanno migliori possibilità di svernare.

  • Cerfoglio, coriandolo, aneto, erba di Santa Barbara, rucola selvatica e spinaci entro metà agosto per raccolti autunnali;
  • qualsiasi insalata a metà agosto per trapianto a settembre e coltivazione sotto mini-tunnel;
  • spinaci, cipolloti e brassicacee primaverili a fine agosto per lo svernamento.

Semina all’esterno: come al coperto ma circa una settimana prima.

Settembre

Semina al coperto: 

  • Per coltura in campo e per raccolti autunnali/invernali: valeriana, mizuna e rucola selvatica;
  • Per coltura in campo da svernare: lattuga, spinaci, cerfoglio, coriandolo, aneto a inizio mese;
  • Per coltura al coperto: tutte le insalate (spinaci, bietole, cavolo riccio, etc..) da inizio a metà mese, cipollotti.

Semina all’esterno: come al coperto ma una settimana prima, insalata entro la prima decade.

Ottobre

All’esterno: aglio. Si possono anche seminare le cipolle per cipollotti ma consiglio cautela dato che rischiano infezioni di peronospora in inverno che infettano le cipolle a maggio riducendo il potenziale raccolto. La cipolla bianca di Lisbona seminata ad agosto parrebbe essere meno suscettibili a ciò.

Ultime semine

In base a dove vivi, da inizio novembre vale la pena seminare le fave in modo da farle svernare come piccole piante. Vanno bene la varietà Aguadulce. Si può seminare a dicembre sia al coperto (senza letto caldo) che all’esterno, così come per l’aglio.

Traduzione: Riccardo Gallazzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *